Società di Studi Geografici

 Giornata di studio 

“Commons/Comune”

 Roma, 11 dicembre 2015

Facoltà di Economia e Dipartimento MEMOTEF, Università la Sapienza

Roma, Via del Castro Laurenziano 9

PRESENTAZIONE DELLA GIORNATA DI STUDIO

Il tema dei beni comuni ha suscitato negli ultimi decenni un notevole dibattito scientifico e culturale, ispirando al contempo movimenti sociali, sperimentazioni, proposte di definizione teorica e di inquadramento legislativo.

Si tratta, in termini generali, di regolare l’accesso a beni che appartengono alla collettività e che dovrebbero essere accessibili a tutti. Una gestione tutta da reinventare per risorse che, per loro natura, non possono ricadere nel sistema della proprietà privata ma che, ormai da tempo, non trovano più neanche nell’amministrazione pubblica forme di regolazione adeguate e soddisfacenti.

Il problema principale risiede nel definire i limiti di una categoria in continua evoluzione: quali  beni sono da considerarsi “comuni”? Il tema ha di fatto notevolmente ampliato la sua significatività per comprendere, accanto alle risorse classiche quali aria, acqua e suolo, beni comuni globali e transnazionali, beni comuni non tradizionali come gli spazi urbani o la conoscenza, i processi al tempo stesso materiali e simbolici di commoning. Sia la ricerca sia le iniziative concrete stanno ridisegnando le categorie operative e interpretative al punto da mettere in discussione concetti fondamentali come quello di “natura” o di “città”.

Pur essendo un tema più di frequente affrontato nell’ambito dell’economia, dell’antropologia e delle scienze politiche, i beni comuni offrono molti elementi per la riflessione e la discussione geografica. Molte sono le categorie geografiche rilevanti ai fini della ridefinizione e della gestione dei beni comuni: si pensi all’importanza della scala geografica; alla rilettura in chiave di commoning delle relazioni ecologiche e socio-spaziali; al concetto di giustizia spaziale; al tema della rappresentazione, territorializzazione e gestione di spazi alternativi di partecipazione, auto-organizzazione, innovazione sociale, governance e interazione sociale ed economica; alla  natura stessa del bene comune che, come affermato recentemente da Mark Giordano, è squisitamente geografica perché attiene alla relazione tra lo spazio della risorsa e quello dei suoi utilizzatori.

Nel corso della Giornata di studio il tema dei beni comuni sarà affrontato in un’ottica  transdisciplinare, trattandone l’ampio portato sia in termini di riflessione teorica sia attraverso l’analisi di casi studio, con l’obiettivo di offrire una visione d’insieme del dibattito nazionale ed internazionale e di delineare alcune linee di ricerca sulle quali la geografia italiana può fornire un proprio valido contributo.

Tra i temi di interesse certamente un ruolo centrale riguarda la definizione del concetto di bene comune, dalla quale discendono conseguenze diverse soprattutto per la comprensione e la gestione di risorse naturali e beni intangibili quali l’ambiente, il paesaggio, la biodiversità, lo spazio pubblico, l’informazione, la proprietà intellettuale. O ancora il “comune” come ambito di riconfigurazione delle forme di proprietà, gestione e accesso a beni e risorse, del confine tra economico e non-economico, tra spazio pubblico e spazio privato, tra individui, organizzazioni, comunità e istituzioni. Inoltre, si discuteranno le problematiche relative alla gestione dei beni comuni che, dalla  “tragedia” prefigurata da Garrett Hardin alle ricerche di Elinor Ostrom, conducono ad esaminare le molte forme di regolazione collettiva di spazi, attività e risorse nei numerosi casi concreti ed innovativi discussi in letteratura e nel dibattito pubblico.

***

Il convegno rappresenta la quinta edizione della Giornata di Studio “Oltre la globalizzazione” organizzata dal 2011 dalla Società di Studi Geografici. Le giornate precedenti, svoltesi a Firenze, hanno riguardato altrettanti temi chiave quali i concetti di “prossimità” (2012), “resilienza”
(2013), “conflitto” (2014).

Scarica il programma completo in pdf: clicca qui

Scarica il book of abstracts: clicca qui 

logo societa studi geografici grigio 70 xoffice

memotef

Advertisements